• +39 0805531049 WHATSAPP +39 3313436369
  • TUTTI I GIORNI DALLE 9 ALLE 18

CISTITE

by Andrea Totire il March 16, 2020

La cistite un'infiammazione della vescica causata il più delle volte da batteri intestinali come Escherichia Coli. Le cistiti colpiscono maggiormente la popolazione femminile, ciò è spiegabile con la particolare conformazione anatomica della donna. Può essere acuta o cronico-recidiva.

CAUSE

  • Calcoli renali
  • Uso del diaframma
  • Uso smodato di farmaci cortisonici
  • Rapporti sessuali prolungati e a rischio
  • Proliferazione di batteri, come il Proteus

SINTOMI

  • Febbre
  • Presenza di sangue nelle urine
  • Necessità di urinare frequentemente
  • Dolori e bruciore durante la minzione
  • Persistente indolenzimento al basso ventre

CONSIGLI

  • Curare attentamente l'igiene intima
  • Seguire una dieta leggera evitando l'assunzione di tè, caffè  ed alcol
  • Non trattenere la pipì: l'urina non deve fermarsi a lungo nella vescica 
  • Non indossare biancheria intima sintetica ed eccessivamente stretta 
  • Evitare l'uso di contraccettivi meccanici (diaframma)
  • Bere almeno due litri e mezzo d'acqua al giorno: in questo modo i microbi sono espulsi più facilmente

CURE E TRATTAMENTI

Per essere certi che si tratti di cistite, il medico può prescrivere un'urinocoltura per evidenziare la presenza di batteri pericolosi. L'antibiogramma servirà poi a selezionare l'antibiotico più idoneo ad eliminare i batteri che sono la causa dell'infezione. La terapia farmacologica si avvale dell'utilizzo di medicinali derivati dalla penicillina e dei fluorochinolonici, in grado di disinfettare le vie urinarie. Se la cistite viene curata immediatamente e in modo corretto, i sintomi scompaiono di solito nel giro di 3-4 giorni. Per evitare le recidive è importante assumere volta acqua (almeno due litri al giorno) per diluire la carica batterica. La cistite può essere curata anche con la fitoterapia. Il rimedio principale è l'uva urina per la sua azione antisettica e antibatterica ed il succo di mirtillo rosso. Se il disturbo persiste o si ripresenta spesso, è necessaria una visita urologica.

Torna su