• +39 0805531049 WHATSAPP +39 3313436369
  • TUTTI I GIORNI DALLE 9 ALLE 18

IL TORCICOLLO

by Andrea Totire il March 15, 2020

E' un disturbo che colpisce il tratto cervicale e si caratterizza per l'anomala posizione del capo (che tende a spostarsi di lato). La forma più comune è il torcicollo muscolare, tipico dell'età giovanile e caratterizzato da una contrazione spastica dei muscoli del collo. E' molto doloroso e limita i normali movimenti del capo. Causa una certa rigidità del collo e delle spalle e talvolta mal di testa. Il torcicollo può essere anche di origine traumatica dovuto ad una caduta, o congenito a causa di una contrattura dello sternocleidomastoideo.

SINTOMI

  • Difficoltà di movimento del capo
  • Violenti dolori al lato del collo
  • Rigidità muscolare

CAUSE

  • Traumi
  • Colpo di frusta
  • Sforzi muscolari
  • Processo infiammatorio
  • Esposizioni a correnti d'aria
  • Malformazione congenita
  • Stanchezza muscolare eccessiva
  • Posizione errata nel dormire
  • Lesione del muscolo sternocleidomastoideo 

CONSIGLI

  • Evitare bruschi cambi di temperatura
  • Non fare sforzi fisici eccessivi
  • Provare ad assumere posizioni corrette nel dormire
  • Tenere la giusta postura se si lavora al computer
  • Muovere il capo con esercizi dolci
  • Non uscire con i capelli bagnati

CURE E TRATTAMENTI

Il torcicollo muscolare viene curato con antinfiammatori che riducono il dolore. La somministrazione invece di farmaci miorilassanti può essere di aiuto per diminuire la rigidità muscolare. Il torcicollo può essere alleviato con massaggi utilizzando pomate, creme e gel a base di antinfiammatori o attraverso l'applicazione di cerotti. Il massaggio deve essere delicato e prolungato fino a quando il muscolo si rilassa. Si possono anche eseguire trattamenti fisioterapici e termoterapici. Se la causa è una contrattura muscolare può essere utile tenere la parte al caldo e applicare una pomata al capsicum. Se, invece, il torcicollo è di origine congenita, per esempio causato dall'accorciamento dello sternocleidomastoideo, bisogna intervenire chirurgicamente.

 

Torna su