• +39 0805531049 WHATSAPP +39 3313436369
  • TUTTI I GIORNI DALLE 9 ALLE 18

MAL DI GOLA

by Andrea Totire il March 18, 2020

Il mal di gola è una delle più comuni malattie da raffreddamento, ne possono essere affetti sia adulti che bambini, questi ultimi in numero decisamente più elevato. La maggiore diffusione si ha durante i mesi freddi; un mal di gola acuto può durare tre al massimo sette giorni, mentre uno cronico dura molto più a lungo.

SINTOMI

Senso di bruciore/prurito alla gola, aumento della salivazione, arrossamento, difficoltà a deglutire, febbre, tosse, raucedine, mal di testa, spossatezza fisica.

CAUSE

Può essere causato da virus (che non rispondono agli antibiotici), per esempio in seguito a un comune raffreddore, a mononucleosi (che porta mal di gola, febbre e ingrossamento dei linfonodi) e influenza. Altre cause possono essere: infezione batteriche, tosse, fumo, inquinamento, allergie o bassa umidità ambientale. La maggior parte guarisce senza complicazioni, in altri può sviluppare malattie più serie.

CONSIGLI

Nel 90/95% dei casi il mal di gola è dovuto ad un virus, pertanto, può essere utile e consigliabile: agire ai primi sintomi per facilitare la cura, introdurre alimenti ricchi di vitamina C, per rafforzare il sistema immunitario e difenderlo dagli attacchi esterni, bere spesso per reidratare le mucose della gola, assumere pasti liquidi e bevande calde (aggiungere del miele può aiutare a diminuire il bruciore), proteggere gola e orecchie dal freddo con una sciarpa ed evitare sbalzi di temperatura, curare la corretta umidificazione dell'ambiente in cui si vive (casa e lavoro), aumentare l'igiene del cavo orale con l'uso di collutori e non fumare.

CURE E TRATTAMENTI

Se dopo 4-5 giorni il mal di gola non è ancora passato, il vostro medico di famiglia potrà prescrivervi: antipiretici per far scendere la febbre, collutori e spray per disinfettare e rinfrescare le zone infiammate. Gli antibiotici sono necessari solo se il risultato dei test di laboratorio ha confermato che si tratta di un'infezione batterica. Nel caso di uso di antibiotici non interrompere la cura prima della durata prescritta, ciò potrebbe causare farmaco-resistenze e maggiori difficoltà nel trattamento successivo.

Torna su