• +39 0805531049 WHATSAPP +39 3313436369
  • TUTTI I GIORNI DALLE 9 ALLE 18

ORTICARIA

by Andrea Totire il March 15, 2020

L'orticaria è una malattia della pelle che colpisce la parte superficiale dell'epidermide ed è caratterizzata da tre elementi sostanziali: il prurito, la presenza di "pomfi", la fugacità di questi pomfi che spesso scompaiono in tempi brevi, per poi ricomparire. Può essere in forma acuta o cronica. Le due forme si distinguono in base alla durata: l'orticaria acuta, quando la malattia persiste per un periodo inferiore alle 6 settimane, e quella cronica in cui le gettate di pomfi pruriginosi si ripetono oltre le 6 settimane.

SINTOMI

Si presenta con un prurito fastidioso, in seguito compaiono pomfi gonfi rossastri, solitamente localizzati in una zona circoscritta della pelle, più raramente diffusi in tutto il corpo. Di solito scompaiono dopo qualche giorno senza bisogno di cure specifiche. Se l'orticaria si estende ai tessuti sottocutanei e alle mucose interne (ad esempio le mucose del cavo orale), la patologia prende il nome di angioedema; in alcuni casi questa malattia, chiamata anche Edema di Quincke, può diventare più pericolosa perché può ostruire le vie respiratorie.

CURE

Prima di iniziare le cure è fondamentale conoscere le cause che hanno scatenato l'orticaria, in modo da procedere con la terapia più corretta. Una volta che il fattore scatenante dell'orticaria è stato riconosciuto attraverso appositi esami allergologici, è necessario evitare il contatto con la sostanza. La terapia per curare l'orticaria prosegue con cure volte all'inibizione dei sintomi; a questo scopo può essere utile fare impacchi con acqua fredda per alleviare il prurito, evitare biancheria sintetica o troppo stretta, indossare abiti leggeri. Talvolta, inoltre, il medico può prescrivere alcuni antistaminici per velocizzare la scomparsa dei pomfi, anche se l'orticaria tende di solito a scomparire totalmente da sola entro pochi giorni.

Torna su