• +39 0805531049 WHATSAPP +39 3313436369
  • TUTTI I GIORNI DALLE 9 ALLE 18

TOSSE

by Andrea Totire il March 16, 2020

Non è una vera e propria patologia, ma un sintomo spesso non grave, di patologie a carico delle alte e basse vie respiratorie. Rappresenta un meccanismo di difesa. Consiste in una rapida espirazione forzata a glottide chiusa che consente di rimuovere corpi estranei e secrezioni dalle vie respiratorie.

TOSSE SECCA E GRASSA

La tosse secca, non produce secrezioni o muco, è stizzosa e affaticante, si presenta maggiormente di notte. Può essere trattata con i sedativi, che sono derivati oppiacei, antistaminici o spasmolitici. La tosse grassa è caratterizzata dalla produzione di muco e secrezioni, si presenta maggiormente di giorno, va trattata con mucolitici e fluidificanti.

TOSSE ACUTA E TOSSE CRONICA

Se la tosse è di comparsa recente, una settimana (tosse acuta) vanno esaminati gli altri sintomi, quali febbre, raffreddore, difficoltà respiratorie per individuare la patologia che l'ha causata. Nella maggior parte dei casi si tratta di infezioni a carico dell'albero respiratorio o semplici malattie di raffreddamento. Se la tosse invece è un disturbo cronico presente da più di un mese, che non si risolve con terapie sintomatiche, allora occorre fare degli esami approfonditi per capirne la causa, che in questo caso può essere una broncopneumopatia, un'allergia, una bronchite cronica o una neoplasia.

RIMEDI NATURALI

Per la tosse secca sono consigliate tisane calmanti a base di malva, altea, camomilla, papavero e violetta da dolcificare con miele. Per la tosse grassa si preferiscono erbe che hanno un'azione espettorante, quali piantaggine, timo, farfalla, liquirizia, verbasco e tasso barbasso. Le tisane vanno sempre dolcificate con il miele, che ha già di per se un'azione calmante.

CONSIGLI UTILI

Non associare un antitossico e un mucolitico, hanno azioni opposte. Umidificare gli ambienti in cui si soggiorna a lungo. Bere più volte durante il giorno tisane, succhi di frutta o altre bevande non irritanti. Consultare il medico se il disturbo è presente da più di tre settimane, compare febbre oltre i 38°C, ci sono forti dolori al torace o alle spalle, e in caso di difficoltà respiratorie.

Torna su